Gli specialistiOtorini

Orecchio tappato: raffreddore o perdita uditiva?

orecchio tappato
109views

L’ orecchio tappato (ovattamento auricolare), ossia quel senso di orecchio chiuso o pressione nell’orecchio, può avere molteplici cause.

A tutti può capitare, avendo il naso chiuso per un comune raffreddore o, di questi tempi, per un’allergia, che le orecchie si ovattino e sentano meno. Le orecchie, infatti, sono collegate alla rinofaringe (la parte posteriore del naso) tramite le tube di Eustachio. Nella cassa del timpano (dove si trovano i famosi ossicini – incudine, martello e staffa), una parte delle mucose (la pelle interna) è predisposta a produrre muco che, in condizioni normali, attraverso le tube, arriva dietro al naso e quindi viene impiantato.

Se lo sbocco di queste tube viene chiuso da un tappo di muco, da adenoidi o altro, la secrezione si raccoglie nelle casse (timpani) e rende difficile sentire, perché blocca gli ossicini per questo si inizia ad avvertire la sensazione di avere l’orecchio tappato.

Se tale disturbo è conseguenza di un comune raffreddore, occorre solo pazientare, tenere il naso pulito e nel giro di sette/dieci giorni la situazione dovrebbe normalizzarsi.

Ma cosa fare quando l’ orecchio tappato non dipende da raffreddore?

Se la sensazione di ovattamento auricolare si prolunga per molto tempo, in assenza di raffreddore, trauma o altro, è fondamentale una visita dell’otorinolaringoiatra che accerti che non si tratti di un tappo di cerume o di altre patologie. Tale visita deve essere corredata da un esame impedenzometrico (una metodica di analisi dello stato dell’orecchio che valuta la reazione al suono e la mobilità degli ossicini), da un esame audiometrico (che analizza la capacità uditiva e l’eventuale grado di sordità del paziente) e – per un fondamentale- da una rinofibroscopia (il cosiddetto sondino nel naso che permette una visione totale del distretto nasale, faringeo e laringeo) per vedere bene se gli sbocchi delle tube sono liberi o occupati.

A questo punto sarà lo specialista a effettuare una diagnosi accurata, individuando la reale causa dell’orecchio tappato e le possibili soluzioni da adottare.

Lascia una risposta

Vincenzo Pucci

Vincenzo Pucci

Specialista in otorinolaringoiatria
Il dottor Pucci da oltre trent’anni si occupa di otorinolaringoiatria e chirurgia maxillo-facciale. Ha diretto da primario i reparti di otorinolaringoiatria dell’ Ospedale ”San Leonardo” di Castellammare, prima, e dell’ Ospedale” Dei Pellegrini” di Napoli, poi, e attualmente esercita la professione all’interno di strutture ospedaliere private accreditate (dove è anche previsto l’accesso con base di ricovero prescritta dal medico curante). La sua esperienza professionale è stata arricchita dalle numerose partecipazioni a incontri scientifico-culturali e da frequentazioni presso prestigiose scuole medico-chirurgiche in Europa e Stati Uniti.