Acufene

Quel fastidioso suono chiamato acufene

6.31Kviews

“Tutta la vita, con quest’orribile rumore”. È quanto affermano, come Lucio Dalla in una sua nota canzone, i pazienti affetti da acufene, o tinniti, un fenomeno uditivo che, per certi versi, rappresenta ancora un enigma per i ricercatori.

In Italia, gli affetti dal disturbo sono più di un milione, ossia circa il 20% della popolazione di ogni età, con una frequenza maggiore tra i 40 ed i 60 anni. L’acufene colpisce la maggior misura i soggetti di sesso maschile, rispetto alle donne.

Il tema è stato discusso a Palermo, al convegno “Oltre la percezione uditiva: gli acufeni tra udire, sentire e ascoltare”, organizzato dal dottor Aldo Messina, direttore dell’universita di Audiologia del Policlinico Universitario di Palermo e dal Professor Gianfranco Cupido, associato otorinolaringoiatra. Allo stato attuale, il problema può essere affrontato da specialisti in un lavoro d’equipe, che coinvolge non solo gli otoriatri ma odontostomatologi, neurologi, fisiatri e fisioterapisti, geriatri, psicologi, audiometristi ed audioprotesisti. In alcuni casi sono d’ausilio psichiatri e logopedisti.

Con il termine acufene si definisce il sintomo, riferibile a un disturbo che è doveroso cercare di accertare, che determina la percezione, per almeno 5 minuti più di una volta a settimana, di un suono, pur in assenza di una sorgente sonora esterna. La definizione evita di includere tra i tinniti i cosiddetti “somatatosound” (suoni del corpo come le pulsazioni vascolari), nonché i brevi e occasionali fischi alle orecchie che, più o meno tutti avvertiamo saltuariamente.

Pur essendo un suono irrilevante dal punto di vista dell’informazione, l’acufene non viene “filtrato” dai meccanismi che di norma impediscono a stimoli sensoriali poco significativi di raggiungere lo stato cosciente e quindi essere percepiti.

“Una teoria, molto accreditata – ha affermato la professoressa, Brigida Fierro – direttrice dell’unità di neurologia del Policlinico di Palermo, fa ritenere che questo accada perché l’acufene non segue la via sensitiva uditiva, ma quella del dolore cronico che non è un segnale d’allarme come il dolore acuto, ma rappresenta una vera e propria condiziona patologica”.

Non essendo l’acufene una malattia ma un sintomo, si sono evidenziate molte possibili cause alla sua origine e non sempre di pertinenza otoneurologica.

Al convegno, non protendosi affrontare tutte le possibilità eziologiche si è dato preliminarmente risalto a quelle meno note come le alterazioni del deflusso venoso, le sindromi ostruttive del sonno, i conflitti neuro vascolari, e una particolare condizione anatomica che determina un eccessivo allungamento dell’osso temporale, il processo stiloideo.

“Dal 2014, l’American Academy of Otolaryngology-Head and Neck Surgery ha redatto delle linee guida, utili per gli specialisti, per affrontare il problema” ha ricordato il dottor Aldo Messina.

“Gli studi in esser riportati – ha continuato Messina – ritengono inutile, nei casi di acufene persistente e fastidioso, l’impiego di antidepressivi, anticonvulsionanti, ansiolitic, farmaci intratimpanici, ginkgo biloba, melatonina, zinco, stimolazione magnetica transcranica e agopuntura.

Altrettanto discutibile è il ricorso diagnostico a Risonanza Magnetica se non nei casi di acufene monolaterale o pulsante o di perdita di udito asimmetrica”.

“Pochi immaginano – ha affermato il professor Gianfranco Cupido, docente di otorinolaringoiatria – che anche il reflusso gastro esofageo o, più esattamente, quello faringo laringeo, determinando un’aumentata produzione di pepsina anche nella zona prossima alla tuba di Eustachio, il canale congiunge all’orecchio medio alle alte vie respiratorie, può causare produzione di catarro tubarico e, pertanto, ovattamento auricolare ed acufeni”,

Tra i relatori l’ingegner Luca Del Bo, ingegnere biomedico ed audioprotesista, responsabile della tinitus clini ci Milano.” La Tinnitus Reatrining Terapy o T.R.T. – ha affermato l’ingegnere – consente di ridurre, nell’arco di pochi mesi, il fastidioso ospite uditivo”. “Il centro della terapia – ha detto Del Bo – è un counseling di tipo medico e non psicologico, associato ad una terapia sonora e, ove necessario, audio protesica, il cui scopo è, in definitiva. Quello di riclassificare come neutra l’informazione acustica dell’acufene sì da renderlo poco influente dal punto di vista emozionale, cosicché il segnale aberrante sia filtrato e non più percepito”. Stessa finalità, per vie diverse, si prefigge di raggiungere la metodica del neuro feedback dinamico non lineare, presentata a Palermo dal dottore Francesco Lanza.

ALLEANZA TRA MONTEFARMACO E DERMOPHISIOLOGIQUE

Importante accordo tra due aziende italiane. La Montefarmaco e la Dermophisiologique, hanno iniziato un cammino di collaborazione per offrire nuove soluzioni di benessere anche a pelli di pazienti in terapia farmacologica e oncologica. Montefarmarco, storica azienda farmaceutica con sede a Bollate, per il mercato dell’automedicazione in farmacia, ha siglato un accordo di partecipazione con Dermophisiologique srl SB, azienda che da oltre 30 annia opera nell’ambito della ricerca dermatologica e scientifica per la creazione di prodotti dermocosmetici e metodologie di trattamento legate alla fisiologia cutanea per il settore dell’estetica professionale. I prodotti dermocosmetici per tutti i tipi di pelle e in particolare per quella dei pazienti in terapia farmacologica e oncologica, entrano nel porfolio di Montefarmaco e possono essere acquistati anche in farmacia.
Grazie alla sapiente visione strategica di Stefano Colombo, titolare di Montefarmaco, il progetto dell’azienda abbraccia totalmente il concetto di benessere: accanto a integratori alimentari, medicinali OTC e dispositivi medici, si inseriscono competenze estetiche, un metodo di lavoro brevettato Dermophisiologique, e prodotti dermocosmetici funzionali dedicati a tutti i tipi di pelle, anche a quella di pazienti sottoposti a terapia farmacologica e oncologica.

Lascia una risposta

Gianfranco Cupido

Gianfranco Cupido

Docente universitario di Otorinolaringoiatria
Gianfranco Cupido, nato a Palermo il 04/03/1947, laureato in Medicina e Chirurgia nel 1971, con specializzazione conseguita nel 1974 in “Otorinolaringoiatria e patologia Cervico-Facciale”. Nel 1978 ha conseguito l’idoneità nazionale ad Aiuto di Otorinolaringoiatria e dal 1980 al 1992 è stato un rinomato Ricercatore Universitario. In seguito è stato nominato Professore Associato in Foniatria nel 1980 e attualmente ricopre questo ruolo presso l’Università di Palermo. Ha diverse docenze nelle scuole di specializzazione in Otorinolaringoiatria, Oncologia medica, Chirurgia toracica, Medicina interna, Chirurgia di urgenza e inoltre è docente dei corsi di Laurea in Fisioterapia e Logopedia. Il prof. Gianfranco Cupido è autore di 130 pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali e internazionali ed è Presidente del corso di Laurea in Logopedia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli studi di Palermo. Partecipa a congressi nazionali e internazionali di interesse otorinolaringoiatrico.