Apparecchi acusticiConsigli sull’udito

Apparecchio acustico: cose da sapere sul Post-vendita

focus apparecchi acustici
2.07Kviews

Specialistidelludito.it nasce come una voce neutrale, pertanto la nostra premessa resta quella di fornire un servizio alla comunità con l’obbligo di informare ed aiutare le persone a sentire bene e a sentirsi meglio.
A volte basta poco, a volte è bene approfondire determinati argomenti che possono risultare spinosi e di difficile consultazione.
Fra questi abbiamo scelto di discuterne uno in particolare: i servizi post-vendita.

L’udito cambia sempre, così come accade con la tua vista

È bene chiarire questo concetto perché i tuoi apparecchi acustici richiederanno una manutenzione periodica e regolazioni per tutto il tempo che continuerai ad indossarli.
Ed è proprio per questo motivo che è importante conoscere e valutare il supporto nel “post-vendita” che il centro acustico è in grado di offrirti.
Bisogna fare attenzione quando leggiamo “revisione gratuita“, poiché questo, in alcuni casi può non voler dire “riparazione gratuita”.

Un audioprotesista onesto dovrebbe spiegare in maniera esplicita cosa è incluso nel servizio gratuito e cosa invece è a pagamento:

  • riparazioni (in garanzia o fuori garanzia),
  • reclami,
  • perdita dell’apparecchio,
  • danni accidentali.

In generale, possiamo dire che una copertura di “assistenza gratuita” dovrebbe includere almeno la pulizia, la rimozione del cerume e controlli minori sull’apparecchio, un test dell’udito ed un controllo generale dell’orecchio. Un audioprotesista che ha a cuore i suoi clienti, certamente offrirà volentieri questi servizi per fidelizzare ancor più il proprio pubblico.

Garanzia: perché è importante chiedere un’estensione

La gestione della riparazione di un apparecchio acustico invece è a carico dell’azienda produttrice e ripararlo senza essere coperti da garanzia può costare molto al cliente finale.
Assicurarsi con una garanzia contro la perdita e il danneggiamento del dispositivo può diventare la scelta migliore che si possa fare a fronte di un piccolo contributo spese che però, in caso di smarrimento o rottura dell’apparecchio acustico, offre la possibilità di sostituirlo con uno nuovo.
Così come succede con gli apparecchi tecnologici con i quali abbiamo a che fare quotidianamente (smartphone, tablet, TV) molto spesso è consigliabile estendere il periodo di garanzia per ulteriori 2 anni, poiché con un uso intensivo, qualsiasi dispositivo – a prescindere dalla marca o modello – è soggetto ad una rapida usura e può capitare che si guasti. Essere coperti da garanzia offre la possibilità di riparazioni gratuite o sostituzioni.

I termini contrattuali

Una buona prassi prima di firmare un qualsiasi contratto è quella di chiedere al centro acustico di spiegarci i termini contrattuali degli apparecchi acustici che abbiamo appena acquistato, al fine di usarli al meglio e di conoscere cosa possiamo esigere di diritto e cosa invece non rientra nelle condizioni pattuite.
Il suggerimento che ci sentiamo di dare è quello di conoscere a fondo cosa si sta acquistando, capire le differenze fra i vari dispositivi, ed assicurarsi di essere coperti da una garanzia, poiché questa è la chiave per un ascolto migliore, nel miglior modo possibile.

Lascia una risposta

specialisti dell

specialisti dell'udito

La risposta alle tue domande
Specialisti dell'udito è una rete di professionisti distribuita su tutto il territorio nazionale, che conta più di 600 centri acustici in tutta Italia.