Consigli sull’udito

Il fumo fa male all’udito: lo conferma un nuovo studio

fumo e perdita di udito
Un nuovo studio su fumo e perdita di udito
160views

In occasione della Giornata Internazionale contro il tabacco, vogliamo riportare un recente studio apparso sul numero di aprile di Scientific Reports sul legame tra fumo e perdita dell’udito. I risultati hanno indicato che il fumo è un fattore di rischio indipendente per la perdita di udito.

Lo studio nel dettaglio

Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori di Seoul su un campione di oltre 290.000 adulti senza perdita uditiva. Tutti i soggetti sono stati seguiti per quasi 9 anni e, nel corso di questo periodo, sono state raccolte le loro autodichiarazioni sullo status di fumatore e non fumatore.

Per conferire attendibilità a queste autodichiarazioni, gli studiosi hanno anche rilevato la quantità di cotinina presente nelle urine. La cotinina è un metabolita della nicotina e un biomarcatore molto affidabile. Inoltre, è stata presa in considerazione anche l’esposizione di alcuni soggetti al rumore professionale. In Corea del Sud infatti, proprio come in Italia, la perdita di udito sul posto di lavoro rappresenta ancora un grave danno allo salute e alla serenità dei lavoratori.

Non è stato possibile escludere l’esposizione al fumo passivo e quella ai rumori forti nel tempo liberi, tuttavia i risultati sono ben chiari. È stata verificata una maggiore tendenza alla comparsa di ipoacusia bilaterale nei soggetti fumatori.

Ciò appariva evidente anche in un altro studio, condotto dai ricercatori giapponesi del Global Health and Medicine. Secondo i loro dati, 15 fumatori su 1.000 avevano sviluppato una perdita uditiva seria, contro 8 non fumatori su 1.000, quasi il doppio!

I danni uditivi causati dal fumo

Il fumo danneggia l’udito allo stesso modo in cui danneggia gli altri organi (in particolare i polmoni). Le tossine contenute nella nicotina distruggono le cellule dell’orecchio, impedendo la corretta ricezione e comprensione dei suoni. Inoltre, la nicotina produce effetti dannosi sull’afflusso di sangue alla coclea.

La coclea è una parte dell’apparato uditivo a forma di chiocciola che trasmette le vibrazioni provenienti dalla catena degli ossicini fino all’organo del Corti, che traduce l’impulso cinetico in impulso chimico. È anche irrorata da numerosi vasi sanguigni: dunque una cattiva circolazione del sangue causata dalla nicotina può danneggiare l’intero sistema uditivo.

Le ricerche sul rapporto tra nicotina e perdita di udito proseguono, ma i risultati emersi dagli studi attuali vanno tutti nella stessa direzione. Il fumo fa male all’udito, oltre che all’intero organismo.

Lascia una risposta

specialisti dell

specialisti dell'udito

La risposta alle tue domande
Specialisti dell'udito è una rete di professionisti distribuita su tutto il territorio nazionale, che conta più di 600 centri acustici in tutta Italia.