Apparecchi acusticiConsigli sull’udito

Manutenzione degli apparecchi acustici in estate: come averne cura nei mesi più caldi

manutenzione degli apparecchi acustici
Alcuni consigli sulla manutenzione degli apparecchi acustici in estate
2.29Kviews

Con l’estate alle porte, si comincia a pensare al mare e alle vacanze e, nel nostro caso, anche alla manutenzione degli apparecchi acustici, necessaria quando siamo fuori a goderci il bel tempo. La manutenzione degli apparecchi acustici, infatti, non è uguale tutto l’anno, perché nei mesi più caldi ci sono diversi fattori di cui tener conto. Non solo le temperature sono più elevate e si suda di più, ma si fa anche un uso più intenso delle stesse protesi acustiche. Inoltre, ci si ritrova spesso in ambienti diversi da quelli abituali, come la spiaggia o il campeggio, e con situazioni acustiche complicate.

Indossare gli apparecchi acustici per tutto il tempo possibile è fondamentale anche per godersi le attività estive. Parte del divertimento, del resto, è condividere il piacere di queste esperienze con gli altri, senza perdere nemmeno un suono o una parola di amici, parenti o conoscenti che sono con noi.

In questo articolo vi daremo alcuni consigli pratici su come fare la manutenzione degli apparecchia acustici in estate.

Come avere cura degli apparecchi acustici durante la bella stagione: attenzione al calore

Il primo aspetto da considerare è proprio il caldo. Il calore, come sappiamo, è nemico degli apparecchi acustici, ed è bene tenerlo lontano dalle fonti di calore. In inverno è abbastanza semplice: basta non appoggiarli accanto al forno o sottoporli al getto diretto d’aria calda del phon. Ma in estate? Una domanda che si fanno in molti è se sia possibile prendere il sole indossando gli apparecchio acustici. La risposta è senza dubbio sì, ma avendo l’accortezza di non lasciarli alla luce diretta. Potete coprirli con un cappello o con una bandana.

Inoltre, può capitare spesso di dover rimuovere l’apparecchio acustico per un tuffo in piscina, una doccia o un bagno al mare. In questo caso, bisogna stare attenti a riporlo all’ombra. La luce del sole, particolarmente intensa in alcune ore della giornata, può addirittura sciogliere alcuni componenti in plastica. Per lo stesso motivo, è bene non lasciare mai l’apparecchio in auto, perché la temperatura interna in estate può raggiungere quote elevatissime.

È bene ricordare, inoltre, che per le stesse ragioni, qualora l’apparecchio acustico dovesse entrare in contatto con l’acqua, è assolutamente sconsigliabile l’utilizzo di fonti di calore intenso per asciugarlo (asciugacapelli, forni, microonde etc.). L’unica cosa da fare, se non si dispone di un kit apposito per l’asciugatura, è aprire il vano batteria e attendere che il dispositivo si asciughi da solo.

Anche l’acqua è un pericolo

Un altro pericolo per le protesi acustiche durante la stagione estiva è il sudore. D’inverno solitamente questo è un fattore secondario (a meno che non si pratichi sport a livello intensivo). Nei mesi più caldi, invece, che sia per una passeggiata all’aria aperta, in spiaggia o a casa, la sudorazione corporea aumenta notevolmente e ciò potrebbe danneggiare il ricevitore o i punti di contatto delle batterie. In realtà, i dispositivi di ultima generazione sono quasi tutti composti di materiali resistenti alla sudorazione come il rivestimento nano coating, che permette al sudore di scivolare via senza danneggiare il dispositivo.

Altro aspetto da non sottovalutare quando si parla della manutenzione degli apparecchi acustici in estate è l’umidità, specialmente in alcune zone. Se possiedi un modello BTE è bene ricordare di ventilare la cupola per scacciare le bolle di umidità nel tubetto. L’ideale sarebbe riporre ogni sera l’apparecchio acustico nell’apposito bicchiere per l’asciugatura (questa pratica andrebbe svolta anche tutto l’anno, non solo in estate).

Infine, un altro problema che riguarda la manutenzione degli apparecchi acustici sono proprio gli allergeni associati al clima caldo. Polline e cellule fertilizzanti che si trovano nell’aria possono depositarsi sull’apparecchio, bloccare le porte dei microfoni e causare malfunzionamenti. La soluzione è una accurata pulizia con un panno morbido e asciutto, o con le apposite salviette che si trovano in tutti i kit pulizia. Se l’apparecchio acustico comincia a dare problemi, è bene richiedere l’intervento di un audioprotesista per una pulizia più approfondita.

L’attenzione, insomma, non è mai troppa, specie d’estate, perché una buona manutenzione aiuta degli apparecchi acustici aiuta a conservare intatto il loro funzionamento e a prolungarne la durata.

Lascia una risposta

specialisti dell

specialisti dell'udito

La risposta alle tue domande
Specialisti dell'udito è una rete di professionisti distribuita su tutto il territorio nazionale, che conta più di 600 centri acustici in tutta Italia.