Problemi di udito

Udito a rischio per le maestre d’asilo?

861views

Che i bambini siano piuttosto molte volte vivaci e rumorosi è cosa nota, ma quali sono le conseguenze all’udito per chi lavora con loro tutti i giorni?  

Una ricerca svedese della Sahlgrenska Academy ha scoperto che, addirittura, il rumore generato dai bambini nelle aule può causare problemi all’udito per chi ci lavora.

Lo studio

Secondo lo studio, sette maestre su dieci della scuola dell’infanzia soffrono di un affaticamento uditivo indotto dal suono.

Il numero donne che svolgono questo lavoro e che hanno problemi di udito è più elevato rispetto al numero di donne che hanno il medesimo problema e che fanno parte altre categorie professionali esposte al rumore.

Quali problemi per l’udito?

Tra le insegnanti intervistate (4.718 donne), il 71% ha riscontrato un affaticamento uditivo indotto dal suono, rendendole incapaci di ascoltare la radio dopo una giornata di lavoro. Il 46% delle insegnanti ha avuto problemi a comprendere parole. Il 39% ha affermato che almeno una volta a settimana ha avvertito dolori alle orecchie causati da rumori che non erano necessariamente forti. Secondo questa ricerca, inoltre, un’insegnante su due, ha difficoltà a comprendere il linguaggio e quattro su dieci diventano ipersensibili al suono.

La ricerca svedese riguarda ovviamente un campione di quel Paese, ma potrebbe essere applicata senza alcun problema a qualsiasi Paese del mondo.

Cosa si può fare?

A differenza del rumore causato dalle macchine in un ambiente industriale, il rumore generato in ambienti scolastici si potrebbe in qualche modo attutire, costruendo ambienti adeguati che possano evitare almeno il riverbero del suono.

Se hai un problema uditivo prenota un controllo gratuito in uno dei nostri centri affiliati.

Lascia una risposta

specialisti dell

specialisti dell'udito

La risposta alle tue domande
Specialisti dell'udito è una rete di professionisti distribuita su tutto il territorio nazionale, che conta più di 600 centri acustici in tutta Italia.