Udito bambini

5 consigli per pulire in modo sicuro le orecchie dei bambini

orecchie dei bambini
5 consigli per pulire le orecchie dei bambini
654views

Come pulire le orecchie dei bambini? È una domanda che molti genitori si pongono. Se pensate che anche molti adulti puliscono le orecchie in modo sbagliato, allora la risposta diventa ancora più importante.

Le orecchie sono un organo di senso estremamente delicato, specie nei più piccoli, quindi bisogna occuparsi della loro igiene con cura e attenzione. Per questo abbiamo preparato per voi una serie di consigli da seguire affinché la pulizia delle orecchie del neonato e del bambino avvenga in un modo facile e sicuro.

1. Chiedersi da che cosa bisogna pulire le orecchie

Per prima cosa bisogna chiedersi da cosa pulirsi le orecchie. Se state pensando al cerume, vi sorprenderà sapere che in realtà non si tratta di sporco. Il cerume è infatti una cera che alcune ghiandole, dette ceruminose, producono affinché la cute del condotto uditivo esterno venga protetta non crei un ambiente favorevole alla sopravvivenza dei germi. Una volta espulso, il viene spinto automaticamente verso l’esterno, in una sorta di auto-detersione, che quindi non richiede operazioni supplementari di pulizia.

Tuttavia, ci sono alcuni casi in cui il cerume è molto abbondante ed è visibile all’esterno: non solo si creano problemi estetici, ma anche di udito. Il tappo formato dal cerume impedisce la corretta propagazione delle onde sonore e quindi può comportare un abbassamento temporaneo dell’udito. Il tappo di cerume nei bambini può essere più frequente se non si puliscono le orecchie di frequente. La rimozione del tappo di cerume nei bambini dovrebbe essere fatta da un esperto, attraverso specifiche gocce e pinzette, per evitare complicazioni.

2. Utilizzare acqua e sapone delicato

La pulizia della parte esterna delle orecchie va fatta semplicemente con acqua e un sapone delicato, usando solamente le dita e senza arrivare dentro il condotto uditivo. Dato che le orecchie dei bambini solo molto piccole, potete insegnare a loro stessi come pulirle nel modo corretto. Imparando fin da piccoli a farlo nel modo corretto, si prenderanno cura del loro udito nel modo migliore. Il lavaggio delle orecchie dei bambini si può fare di mattina, quando ci si lava la faccia e i denti, oppure durante lo shampoo e la doccia, utilizzando con lo stesso detergente usato per i capelli, a patto che non si aggressivo.

3. Asciugare le orecchie dei bambini con un asciugamano o l’aria calda del phon

L’orecchio va asciugato, fino all’imbocco del condotto uditivo esterno, con un asciugamano, evitando di usare carta igienica o fazzolettini di carta, perché potrebbe staccarsi qualche pezzetto, anche piccolo, e restare all’interno del condotto con il rischio di determinare infezioni. Se si vuole asciugare anche l’interno, basta l’aria calda del phon.

4. Utilizzare i cotton fioc solo per pulire la parte esterna dell’orecchio

I bastoncini per orecchie possono essere utilizzati solo per pulire il padiglione auricolare. Non vanno mai utilizzati invece per pulire la parte interna, perché bisogna evitare di introdurre nel condotto qualsiasi corpo estraneo. Questa operazione può spingere il cerume in fondo e causare la formazione di un tappo, ma potrebbe anche ledere la pelle del condotto uditivo o causare infezioni nel caso in cui restasse qualche filamento di ovatta all’interno.

5. Utilizzare le gocce auricolari solo quando c’è un tappo di cerume

Le gocce auricolari sono prodotti oleosi ed emollienti che sciolgono e rendono più fluido il cerume facilitandone l’uscita. Vanno adoperate solo se si è formato un tappo di cerume nelle orecchie del neonato. Questo si può formare, come abbiamo detto, o a causa di una produzione abbondante di natura o c’è un condotto particolarmente stretto o tortuoso che ne impedisce la spontanea. Vanno usate solo dopo che il pediatra o l’otorino abbiano accertato che si tratti di un tappo di cerume.

Rimanendo in tema, rispondiamo ad alcune domande sul tappo di cerume che possono interessare ai genitori.

Quali sono i sintomi della presenza di un tappo di cerume?

  • Calo dell’udito
  • Prurito
  • Ovattamento
  • Sensazione di orecchio tappato

La conferma però si ha solo con una visita del medico. Gli stessi sintomi infatti potrebbero segnalare anche un’otite catarrale, dovuta cioè a ristagno di catarro all’interno dell’orecchio.

Come si toglie un tappo di cerume?

Sarà l’otorino a decidere il sistema più adatto al singolo caso. In genere si rimuove con piccole pinze o aspiratori. Se si tratta però di un tappo ormai essiccato e duro, che occlude completamente il lume, sarà necessario dapprima applicare per 4-5 giorni delle gocce emollienti per ammorbidirlo, dopodiché si toglierà con un lavaggio auricolare.

Per garantire la salute delle orecchie dei bambini vi ricordiamo che la rimozione del tappo deve essere gestita dallo specialista otorino!

Lascia una risposta

specialisti dell

specialisti dell'udito

La risposta alle tue domande
Specialisti dell'udito è una rete di professionisti distribuita su tutto il territorio nazionale, che conta più di 600 centri acustici in tutta Italia.