Test dell’udito

audioprotesistaIl test dell’udito serve a riconoscere una perdita uditiva e a valutarne l’entità. Infatti, non tutte le ipoacusie sono uguali: ognuna necessita di un trattamento diverso a seconda dell’entità della perdita, dell’età di chi ne soffre, delle sue abitudini e del suo stile di vita.

Tuttavia, il primo passo verso un percorso di riabilitazione uditiva è proprio quello di rendersi conto della presenza di un problema e di analizzarne la gravità con gli strumenti adatti. Secondo il CENSIS, in Italia sono molte le persone che lamentano problemi di udito di varia natura:

  • il 54,7% chiede alle persone di ripetere ciò che hanno appena detto
  • il 45,5% ha difficoltà a percepire le voci sussurrate
  • il 26,9% ha difficoltà ad ascoltare i programmi alla tv o alla radio

L’unico modo per valutare l’effettiva presenza di questi disturbi e la loro entità è effettuare un test dell’udito. La prevenzione, quando si parla di udito, è di fondamentale importanza poiché l’ipoacusia o calo dell’udito è un processo graduale, che più avanza, più diventa difficile da gestire. Ecco perché anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità si raccomanda di eseguire un test dell’udito almeno una volta all’anno presso un centro acustici specializzato.

Come si svolge il test dell’udito

Il test dell’udito viene effettuato dall’audioprotesista. Prima di procedere al test vero e proprio è necessario verificare che l’orecchio sia libero da eventuali tappi di cerume o muchi, che potrebbero compromettere o falsare i risultati del controllo. Inoltre, ci sarà una prima fase di anamnesi, in cui il paziente espone a voce le problematiche che lo hanno spinto ad eseguire il test, la presenza di eventuali patologie che possano aver danneggiato l’udito e le sue abitudini di vita.

Poi si passa al test dell’udito vero e proprio che consiste in:

Screening generale Ispezione del timpano e del condotto uditivo esterno.
Test del diapason L’audioprotesista appoggia un diapason sulla sommità del capo e della fronte e lo fa vibrare. Se il paziente percepisce il suono in entrambe le orecchie o al centro della testa, allora non ci sono effettivi problemi uditivi. L’orecchio risulta malato quando il suono viene percepito da un solo lato.
Test audiometrico Il paziente indossa un paio di cuffie nelle quali vengono riprodotti suoni, sillabe e parole ad intensità sempre crescente, per valutare la soglia uditiva tramite la produzione di un audiogramma.

Il test dell’udito dura circa 20-30 minuti e, come abbiamo visto, non è per nulla invasivo. Sia i bambini che gli anziani possono effettuarlo senza problemi, grazie alle nuove tecnologie che permettono di registrare le risposte del cervello agli stimoli sonori senza che il soggetto debba comunicare quello che sente (audiometria oggettiva).

È importante prendersi cura del proprio udito attraverso la prevenzione. Ecco perché Specialisti dell’Udito offre la possibilità di effettuare un test dell’udito gratuito presso uno dei suoi centri affiliati.