Sordità

Sordo? Perché rinunciare a viaggiare?

sordo non rinunciare a viaggiare
572views

7 consigli da viaggio per chi è sordo

Spesso capita che qualcosa percepito come una debilitazione, come l’esser sordo, porti a dei comportamenti di rinuncia nei confronti della vita e delle tante occasioni ed esperienze che si possono vivere. Prima di ogni cosa bisogna capire che la sordità non deve essere la barriera per vivere pienamente la vita ma è una condizione la cui presenza non deve inficiare nessun piacere, come quello di viaggiare e scoprire il nuovo, il confronto con le culture o posti mai visti e meravigliosi. È normale provare ansia all’idea di mettersi in viaggio senza sentire perfettamente, ma questa lista di consigli su come affrontare al meglio una vacanza sarà un utile aiuto per superare l’impasse iniziale!

  1. Ricordare di attivare notifiche e alert tramite comunicazioni scritte, come le e-mail o gli sms, per essere avvisati su modifiche e variazioni di volo anche last minute in modo che non possa sfuggire ogni avvertimento utile per partire;
  2. Notificare alle compagnie di viaggio, come quelle aeree o i treni, al personale di bordo e alle strutture prenotate per l’alloggio, del proprio stato di sordità in modo da prevenire qualsiasi emergenza. È particolarmente consigliato avvertire gli hotel tramite avviso per iscritto dei propri problemi di udito così da avere tutti i comfort e gli accessori a propria misura;
  3. Assicurarsi di avere sempre con sé delle batterie di riserva per gli apparecchi acustici e, se possibile, dei dispositivi acustici di riserva, o comunque avere sempre con sé tutto il necessario per prevenire qualsiasi evenienza;
  4. Portare con sé carta e penna per comunicare anche in ambienti rumorosi;
  5. Se si viaggia in posti umidi, sarebbe utile portare con sé un deumidificatore portatile, l’umidità danneggia gli apparecchi acustici e il rischio è quello di rovinare la vacanza;
  6. Avere con sé un tablet o un iPad come passatempo nei momenti di attesa, non tutti gli aerei proiettano film adatti a essere visti anche da persone con problemi di udito;
  7. Preferibilmente, viaggiare con tutti gli oggetti suddetti sempre a portata di mano per esser certi che non vadano persi o rotti.

Perché aspettare? Esser sordo non vuol dire rinunciare alla vita, quindi zaino in spalla o trolley alla mano, e via!

Lascia una risposta

specialisti dell

specialisti dell'udito

La risposta alle tue domande
Specialisti dell'udito è una rete di professionisti distribuita su tutto il territorio nazionale, che conta più di 600 centri acustici in tutta Italia.